Oceano di Francesco Vidotto

Oceano alta def.jpg_1

Articolo uscito sul Gazzettino di Belluno agosto 2014

“Mi chiamo Oceano, sono boscaiolo e non ho mai visto il mare. Queste è la mia storia”. In questa breve frase riportata in quarta di copertina  si concentra il nucleo principale della storia di “Oceano” (Minerva edizioni, 2014) intenso libro di Francesco Vidotto, scrittore di Tai di Cadore. Oceano Giovanni Maria Del Favaro  è il nome di un boscaiolo che nasce su un carretto tirato da due muli che viene subito abbandonato dai genitori e affidato a una nuova famiglia che abita in un paesino del Cadore. Oceano racconterà al nostro autore la sua storia perché rimanga viva per sempre grazie alla forza narrativa di un libro. E il libro parla della dura vita di montagna dove si incrociano sentimenti diversi spesso in contraddizione fra loro e dove la faticosa vita di boscaiolo, passata in ambienti e territori così spesso inospitali ma bellissimi, assume tratti quasi epici. I sentimenti quali il dolore, l’amicizia, l’amore, la riconoscenza, il perdono, che accompagnano la vita di Oceano e dei tanti personaggi che Vidotto ci fa conoscere in questo bel libro come Sandrino e Basta, Maria, Italia, Giusto, Giovannino, si fondono con la grande storia del nostro Paese caratterizzata da due terribili guerre mondiali, dalla povertà conseguente e dalla necessità di rinascita. Anzi, grazie alla capacità di Vidotto nel leggere il passato e nel posizionare i protagonisti perfettamente nel contesto sociale e politico del secolo scorso, loro stessi, in primis Oceano, diventano straordinari interpreti di questa fase storica “periodizzante” per il nostro Paese. Oceano è un protagonista forte, vigoroso, energico ma, paradossalmente,  anche delicato, duro come la roccia della montagna dolomitica che fa da scenografia alla sua vita, ma tenero e commovente nel suo sorriso quando sceso in pianura e raggiunta la costa vede per la prima volta nella sua vita il mare. Questo libro di Vidotto, scritto molto bene con un linguaggio diretto e coinvolgente, è anche un libro dedicato alle montagne e alle bellissime storie di uomini che sanno raccontare.